Mattia Fantinati – Sottosegretario M5s

Grandi opere, affari sporchi.

TAV, TAP, MOSE, OLIMPIADI, EXPO, SALERNO – REGGIO CALABRIA ECCO PERCHE’ STARE SEMPRE IN ALLARME.

L’ennesima indagine sulle grandi opere ci mostra un Paese divorato da illegalità, corruzione e capillarità delle organizzazioni mafiose. Le grandi opere sono da sempre un ricettacolo di possibili sistemi di collaudato malaffare.

Poteri forti e lobby si intrecciano a politica e istituzioni. Avere un occhio di riguardo, vigilare sulle grandi opere, senza ritenerle la soluzione a tutto, è un obbligo civile. Sosteniamo da sempre l’importanza di fare opere utili, valide, legali. Dire no alle Olimpiadi non è  stato un semplice gesto di responsabilità nei confronti dei romani e di tutti gli italiani, ma un atto di coscienza. La nostra Italia ha bisogno di anticorpi validi, serve tempo e lavoro. Serve un buon medico che curi un paziente ormai sfinito e incancrenito da corruzione e illegalità.

L’ultima indagine si chiama Amalgama e riguarderebbe opere come la TAV Milano Genova e la Salerno Reggio Calabria. Indagine che si aggiunge a quella su Expo che ha portato la Guardia di Finanza sulle tracce della ndrangheta calabrese e ad operare un sequestro da 15 milioni. Indagine questa che segue quella precedente in cui l’Ente fiera è stata messa sotto la lente d’ingrandimento per presunte infiltrazioni mafiose. Fortuna che qualcuno sventolava un “expo mafia free”.

Il Movimento sostiene con tutte le sue forze l’unica vera grande opera necessaria in Italia : l’onestà.

Have your say