Mattia Fantinati – Sottosegretario M5s

Profughi e sicurezza. La soluzione non può partire da Verona

Capisco il desiderio del sindaco Tosi di tornare a indossare la divisa dello sceriffo, ma ci sono questioni che vanno affrontate a livello centrale, altre a livello locale. Tosi dovrebbe concentrare forze, attenzioni e controlli sugli scandali che nell’ultimo anno hanno coinvolto la sua amministrazione e le relative partecipate, anziché tentare di spostare l’attenzione su questioni che non gli competono. Gli sbarchi dei migranti sono un problema oggettivo, davanti al quale il governo di Roma si sta dimostrando incompetente: a causa di lacune interne, ma a causa anche di un’Unione Europea che si autodefinisce Comunità solo nelle questioni di comodo, ma che di fatto ha abbandonato l’Italia davanti a questa emergenza. Sintomo evidente della considerazione di cui gode il nostro Paese a livello internazionale. Serve la collaborazione dagli altri Stati membri, ma serve anche uno sforzo maggiore da parte del governo romano: da lì devono partire le soluzioni. Sono necessari maggiore dialogo e maggiore cooperazione tra Palazzo Chigi e i territori, che vengono attraversati dai flussi di profughi. Noi parlamentari fungiamo da collante: per questo, io per primo, mi impegno a scrivere al ministero degli Esteri affinché arrivi una risposta concreta e immediata.

Have your say