Mattia Fantinati – Sottosegretario M5s

Referendum Veneto: i veneti hanno alzato la voce.

È un giorno importante, un giorno in cui i veneti stanno lanciando un messaggio al governo e allo stato italiano, dopo decenni di vessazioni di tasse ai cittadini ed alle piccole e medie imprese ecco che ora, democraticamente attraverso le urne, stanno alzando la voce. Si sta votando ed il 50,0% rilevato alle ore 19 dimostra che si potrebbe superare di gran lunga il quorum richiesto entro le ore 23. Solitamente una grande affluenza comporta un esito quasi pebliscitario ma staremo a vedere cosa succederà a chiusura delle urne. Tuttavia la giornata odierna rappresenta una grande vittoria per il popolo Veneto che  quando è chiamato alle urne è ben presente, basti pensare alla provincia veronese con il 47, 1% o il vicentino con il 55,8% alle ore 19. È un grido, un campanello di allarme per tutti i partiti tradizionali che nulla hanno fatto per ovviare l’embargo russo che ormai devasta la nostra economia locale da anni e che comporta perdite pari a milioni di euro per il comparto agricolo – alimentare della nostra regione. Un malcontento ed un  pensiero diffuso che ha cavalcato immediatamente il centro destra ed in particolar modo la Lega, perché  sta pensando già alla campagna elettorale delle politiche del 2018. Quello che questi partiti e gli altri non hanno capito è che i Veneti sono stanchi di parole, vogliono fatti e l’affluenza di oggi sottolinea questo aspetto anche perché in questi ultimi 20 anni la Lega non ha fatto nulla per il territorio nonostante abbia avuto come ministri sia Maroni sia Zaia

1 comment

  1. Pingback: Referendum Veneto: i veneti hanno alzato la voce. | Movimento 5 Stelle News - Ultime notizie sul M5S

Have your say